Archivi tag: ritratti femminili

18 marzo 2012: Margherita Grassini Sarfatti: la regina d’Italia senza corona

Immagine

Relatore: MARIA GRAZIA LA ROSA

La biografia ed il tema natale di una donna di brillante intelligenza, raffinata intellettuale mitteleuropea, scrittrice e critico d’arte che ebbe un ruolo molto importante nella storia contemporanea italiana.

Continua a leggere

Annunci

2 commenti

Archiviato in attività

Liz Taylor: un ritratto astrologico

ARTICOLO DI MARGHERITA FIORELLO tratto dal suo sito heavenastrolabe .

Per citare una nostra amica ed astrologa  gli astrologi debbono essere attenti alle notizie che riportano i giornali, così non può passare inosservata la morte di una delle più importanti star internazionali, Liz Taylor, che ha dato il suo volto al simbolo stesso della bellezza, Cleopatra. E’ perciò impossibile resistere alla curiosità di dare uno sguardo al suo tema natale.

Continua a leggere

4 commenti

Archiviato in articoli

Amelia Earhart: il prezzo del coraggio

La storia ed il ritratto astrologico di una donna coraggiosa che è considerata ancora oggi un’eroina americana ed una dei più celebri aviatori del mondo.

di Maria Grazia La Rosa

“ Il coraggio è il prezzo che la vita esige per garantirci la pace interiore, l’anima che non sa questo, non sa liberarsi dalle piccole cose; non conosce la livida solitudine della paura, né l’altezza della montagna da dove si prova l’amaro piacere di ascoltare il rumore delle ali.

Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in articoli

Camille Claudel: vita di una scultrice fra arte, amore e follia

“Una fronte superba e occhi magnifici, di un blu così profondo e così raro che si può trovare soltanto nei romanzi”

Così scrive Paul Claudel, il celebre poeta e diplomatico, a proposito della sorella Camille.

Camille Claudel era nata l’8 dicembre 1864, alle ore 5.00 a Villeneuve-sur-Fère, un piccolo villaggio nella regione della Champagne.

Il padre, Louis Prosper, era il Direttore dell’Ufficio delle Imposte, la madre, Louise Cerveaux, una donna infelice, di rigidi principi morali e molto legata alle convenzioni, era incapace di manifestazioni di affettività. In particolare non accettò mai Camille, che fin da bambina manifestò aspirazioni ed attitudini inconcepibili per sua madre. Dopo Camille, che era la seconda figlia, in quanto il primo figlio morì 15 giorni dopo la nascita, nacquero Louise, che rimase sempre accanto alla madre e diventerà una tranquilla moglie e madre e, a distanza di due anni Paul, con il quale Camille ebbe sempre un legame intimo e complesso.

Continua a leggere

1 Commento

Archiviato in articoli